Gli amici che mi hanno visitato

domenica 29 luglio 2012

AUGURI AI NOSTRI ATLETI OLIMPICI



Sono iniziate le Olimpiadi di Londra e trovo doveroso augurare un grosso in bocca al lupo ai nostri atleti impegnati nelle varie discipline.
Un grande,grandissimo evento a livello planetario,la competizione più amata,più partecipata e più ambita dalle migliaia di atleti che affrontano questa sfida con fiducia ma soprattutto gioia di esserci,con la speranza,in questo mondo sempre più alla ricerca della prestazione sportiva a tutti i costi per poter primeggiare,che vinca soprattutto lo sport e la sportività,la lealtà ed il rispetto verso gli avversari.
Il mio pensiero và a quegli atleti che,per problemi politici o religiosi non hanno potuto partecipare a quella che è la più grande festa di tutto lo sport mondiale,a loro và la mia solidarietà in quanto purtroppo non possono poter competere con altri,perchè imposto da degli ideali religiosi o politici dei loro governanti.
Meno male che,rispetto al passato sono sempre maggiori le nazioni che vi partecipano per la prima volta...giusto così,tutti dico tutti gli sportivi,indipendentemente dal loro colore,credo politico o religioso devono avere la possibilità di questa vetrina mondiale per poter gareggiare e perchè no anche sognare,o anche solo per dire "IO C'ERO".
Tornando alla preparazione della"mia Olimpiade" cioè la EcoMaratona del Chianti,anche questa settimana(è la terza consecutiva)l'ho conclusa con oltre 80 km all'attivo ed il quarto lungo consecutivo Domenicale collinare(25km).
Concluso il programmino di potenziamento,farcito di 4 lunghi tutti over 26 km,(di cui uno da 31 km)inizia la fase specifica per l'Ecomaratona cercando un pò più velocità.
Per questo scopo,la prossima Domenica correrò una gara Trail di 25km con 1300 mt di dislivello,anche per non abbandonare il clima agonistico,inoltre sarà una gara per assaggiare la mia condizione attuale,considerato però che in queste ultime 3 settimane ho caricato molto e la stanchezza è presente,meno male che sono...anzi ormai ero...in ferie,ed ho potuto recuperare abbastanza bene.
Dopo questa gara vedrò come comportarmi nei 20 gg.seguenti prima di iniziare la fase più critica e dura,coi tre lunghi collinari quindicinali over 30.
Il primo lungo da 31-32km collinare il 26 Agosto,poi un 34-35 km ed infine un 37 km corso circa 25 gg. prima della EcoMaratona.
Fisicamente stò abbastanza bene,a parte qualche fastidio al tendine della caviglia destra,dovuto probabilmente ad un affaticamento per il carico di queste ultime settimane,nulla di preoccupante...almeno per ora.
Importante sarà proseguire sempre con gli esercizi di potenziamento generale  e lo stretching giornaliero,ascoltando sempre i segnali che il mio corpo mi dà.


Nel dettaglio la settimana:
Lunedì: 11 km rigeneranti a 5'05"   + esercizi generali
Martedì: 4 km fondo lento+5x1500 a 4'02" + 3 sprint in salita tot.14 km
Mercoledì:11 km lenti a 4'48"   + esercizi di potenz.
Giovedì: 9 km a 4'28"+6x200 sprint salita   tot.13km
venerdì: 11 km rigeneranti a 5'01"      + esercizi di potenz.
Sabato:   riposo
Domenica:  25 km collinari con 500mt. di dislivello a 5'16" di media

totale 85 km

domenica 22 luglio 2012

21 OTTOBRE 2012...LA MIA PRIMA




Come si dice,c'è sempre una prima volta...anche nel running è così,quindi rompendo gli indugi mi appresto ad effettuare,o meglio preparare,la regina delle corse,la corsa di Filippide,quella corsa in cui,forse il più grande avversario sei tu,quella corsa che prima delle gambe dev'essere preparata con la testa,quella corsa che,come disse Zatopek(grandissimo maratoneta)"se vuoi vivere un altra vita corri la Maratona".
Ebbene,proviamola! ho sempre pensato di avere quel limite,alla paura di infortuni,all'impegno ed allo stress fisico che comporta questa specialità,ma grazie al potere della mente,che fin'ora mi ha sempre frenato,oltre alla determinazione ed all'istinto,voglio toccare e passare quel limite,è quasi una sfida con me stesso,alla ricerca di nuovi stimoli,nuove sfide,abbattendo certi paletti.
La testa,che è la nostra centralina,mi dice che posso farla,ora pensiamo alla parte "meccanica"....le gambe.
Seguendo la logica,sarebbe meglio correre la prima maratona in piano,ma...contravvenendo a questa logica,al contorno di palazzi o grattacieli  preferisco il paesaggio autunnale delle colline del Chianti,al grigio asfalto,preferisco calpestare lo sterrato Toscano,ai marciapiedi,ai lati della strada preferisco avere l'erba,i vigneti od il terreno arato dei campi e non m'importa se la fatica sarà maggiore,se le gambe saranno chiamate ad una maggior tenuta fisica per i continui saliscendi per un totale di 1000mt. di dislivello in 42 km,è una ecomaratona e ho sempre considerato l'ambiente dove corri,la terza gamba od il tuo secondo cuore!
La preparazione è di fatto già iniziata,in quanto ho cominciato già da qualche settimana ad allungare,provando ad ascoltare il mio corpo.
I 31 km collinari con 1100mt. di dislivello di stamane sono il terzo lungo consecutivo dopo i due 27 km(sempre collinari) delle scorse Domeniche,cercando di cominciare a far digerire al mio fisico,le lunghe distanze corse in ambiente collinare,in attesa dei famosi 3 lunghissimi che correrò a Settembre.
Quindi non parto proprio da zero,anche se corro una maratona collinare prima ancora di quella in piano non sono proprio un incosciente del tutto.
 Ho già inserito da tempo esercizi di potenziamento per i piedi,oltre che ai soliti esercizi cosiddetti di "core stability" e potenziamento per addominali,dorsali,numerose flessioni ed esercizi per i glutei,importanti nelle salite,oltre agli squat che insieme alle salite stanno potenziando i miei quadricipiti.
I km settimanali sono da diverso tempo aumentati,così come le uscite giornaliere rispetto ai miei target soliti,inoltre,cosa importantissima,è da marzo che mi alleno frequentemente in percorsi collinari.
Per cui trovo i tempi maturi per una nuova esperienza.
Per il calcio gli spettatori hanno gli stadi per assistere allo spettacolo,noi abbiamo il running per assistere ad uno spettacolo molto più bello..QUELLO DELLA NATURA !!
GO SAVE !!!!

nel dettaglio la settimana:
Lunedì: 10 km rigeneranti a 5'05"  + esercizi per piedi e potenz. generale
Martedì: 10 km di trail lenti con 400mt. dislivello  + esercizi generali di potenz.
mercoledì:11 km con 4x 1500 a 4'02" e 3x 100 sprint in salita
Giovedì:  mattino 11 km di cui 8x100 sprint in salita
Pomeriggio  8 km lenti a 4'45"
Venerdì:  esercizi totali di potenz. + esercizi per piedi
Sabato:   riposo
Domenica: Trail di 31 km totali in 2 h 55' con 1060 mt. dislivello

totale 81 km

domenica 15 luglio 2012

TRAIL E SOLO QUELLO...

Settimana di carico sia qualitativo che quantitativo,qui nelle mie ridenti e dolci colline Pavesi della Val Tidone,che nel mese di Luglio,offrono un insieme di armonie di colori dei fiori unito al verde intenso dei prati e dei boschi,che mi hanno fatto desistere dall'andare in trasferta in Val D'Aosta per il trail del Cervino.
Ho deciso di dedicare tutte e tre le mie settimane di ferie,(oltre ai week-end lunghi di Agosto) per conoscere meglio le zone naturali limitrofe a dove mi trovo per le ferie,facendo trail,tanto trail attraverso sentieri,mulattiere o sterrati di queste zone.
Posti che non ho mai osato "esplorare"fino in fondo,in quanto tabelle di gare in programma mi "obbligavano"spesso a percorrere strade asfaltate,snobbando i sentieri,utili soprattutto per chi fà appunto questa specialità.
Ma il Trail è il mezzo migliore per essere spettatori della natura ed io voglio il posto in prima fila,per cui grazie a lui,sto scoprendo a fondo quelle bellezze naturali di questi posti che un pò trascuravo e,di conseguenza,nuovi percorsi naturalistici affascinanti che prima non conoscevo,facendo numerosi incontri con Caprioli,Rapaci e Upupe ed a una moltitudine di volatili di cui purtroppo non ne conosco il nome.
E molti altri percorsi aspettano di essere calpestati dalle mie Trabuco e Roclite.
E non importa se sono meno blasonati dei sentieri e panorami Valdostani o Trentini,questi li sento come miei in quanto un pò del mio sangue ha origini tra queste colline dell'alta Val Tidone.
Inoltre,nel caso di una mia partecipazione alla Ecomaratona del Chianti in programma ad Ottobre,queste pendenze sono molto simili a quelle che troverei in Toscana a differenza delle pendenze più accentuate del Trentino o Val D'Aosta.
Quindi lascio in disparte tabelle o pensieri podistici del tipo,oggi devo fare un medio,domani ripetute dopodomani lungo ecc...no,niente di tutto questo.
Corro,esploro e mi diverto,stimolato anche dalla possibiltà di poter fare una piccola avventura e dal puro senso della libertà,cercando di sviluppare anche il senso dell'orientamento,lontano per ora da obiettivi di gare,ascoltando solo i rumori della natura su e giù per i sentieri,gli stessi delle camminate faticose dei contadini di una volta(mio nonno compreso),che li percorrevano non certo per piacere come faccio io ma per necessità,cercando di portare merce in vendita al mercato dei paesi limitrofi, in quanto lo spostamento a piedi era l'unico possibile e non certo con comode scarpe Asics ai piedi,possiamo immaginare le loro scarpe,o meglio scarponi che indossavano,rigidi e scomodi e non avevano zainetti Salomon in spalla ma sacchi della merce che dovevano vendere e nè tantomeno vestivano abbigliamento tecnico,leggero e traspirante ma abiti rozzi,rattoppati e pesanti,nonchè scomodi.
Stamattina ho corso una bellissima tapasciata in quel di Cicogni(PC) per un trail lungo di 26,5 km correndo in diversi sentieri dell'Appennino Piacentino con panorami che smorzavano la fatica dei quasi 1100mt. di dislivello positivo corso
Due lunghi di 27km,per giunta collinari in due Domeniche consecutive...mai fatti,vuoi vedere che inconsciamente mi stò già preparando per la Ecomaratona del Chianti ?....mmhhh...GO SAVE!!!



Nel dettaglio la settimana

Lunedì: 12 km rigeneranti a 4'55"  +   esercizi ginnici
Martedì: 10km   con gli ultimi 7 a 4'26"  +  esercizi potenz. piedi
mercoledì:  12 km trail con 600mt. dislivello a 5'29"
Giovedì: 12 km collinari duri  a 6'/km  + esercizi totali di potenz.
venerdì:  10 km lenti in piano a 4'44"
Sabato: riposo
Domenica:  tapasciata a Cicogni(PC),trail di 26,5 km a 5'52" ad impegno medio,134 rpm con 1080mt. di dislivello positivo

totale 82 km

lunedì 9 luglio 2012

SPORT E SALUTE


 Settimana corsa cercando di recuperare le molteplici forze usate per il trail di Domenica scorsa.
Ieri mattina,gran bell'allenamento collinare nell'Oltrepo,dove sto facendo le ferie estive,correndo un trail di di 27 km con oltre 1000 metri di dislivello stando sulle gambe oltre le 2 ore e trenta ed ottime sensazioni finali,nonostante la fatica provata.
A dire il vero avrei dovuto correre 22km ma,sbagliando strada,anzi sentiero,ho "allungato" involontariamente l'allenamento.
Poco male,anzi forse meglio così...ho cominciato ad assaggiare le lunghe distanze in vista della Eco maratona del Chianti che rimane in cima ai miei pensieri podistici...la faccio...non la faccio...la faccio...non la faccio.
 Cambiando argomento,settimana scorsa ho rinnovato il certificato medico annuale agonistico,c'è sempre un pò d'apprensione in me quando effettuo gli esami per l'idoneità alla pratica agonistica.
Incombe sempre la possibilità che il medico possa in qualche modo mettere a repentaglio la tua vita da runner,il continuare a macinare chilometri,smontando tutti i tuoi progetti futuri.
Perchè se evidenzia qualche problemino,sai che non sarà più come prima,sai che correrai col patema d'animo di non poter sforzare più di tanto e magari non fare più certe gare,certi sforzi rinunciando in qualcosa in cui ci credi fortemente.
Difficile mantenere quella tranquillità e pace d'animo che avevi prima  e forse farebbe meno male una coltellata che il sentirsi dire "Lei ha un problema cardiaco".
Le recenti morti di sportivi giovani e molto ben allenati sono ancora nelle menti di ognuno di noi ed è normale che nella nostra mente viaggia qualche preoccupazione.
Ma le probabilità che ciò accada sono comunque mooolto limitate in rapporto al numero di gare che si corre ogni Domenica ed al numero sempre maggiori di nuovi runner.
Gli scienziati dicono giustamente che i sedentari o chi pratica pochissimo sport, hanno molte maggiori probabilità di avere qualche problema.
Di recente ho letto su una rivista specializzata che,dati alla mano muoiono 0,75 maratoneti per ogni centomila !!!
Tra il 2000 ed il 2009 son morte 28 persone,ma quante maratone si son corse in 9 anni !!???
Quindi per questi flebili timori dovrei smettere di praticare Sport? dovrei smettere di provare quelle sensazioni di benessere fisico e mentale ? dovrei smettere di essere spettatore di paesaggi naturali ?  MAI !!!!
Fortunatamente anche per quest'anno sono idoneo...anzi la Dr.ssa che ha effettuato il test Conconi ha evidenziato ottimi step in rapporto alla mia età.
Per cui avanti,verso nuovi obiettivi.....GO SAVE !!


nel dettaglio la settimana:

Lunedì:  10 km rigeneranti a 5/km
Martedì:  10 km rigeneranti a 4'55"     esercizi leggeri di potenziamento
Mercoledì:  riposo
Giovedì:  11 km   a 4'44"/km   addominali,dorsali,flessioni
Venerdì:   riposo
Sabato:    esercizi totali di potenziamento generale
Domenica:  trail 27 km al monte Alpe con 1000mt. dislivello positivo

totale: 58km

domenica 1 luglio 2012

CARONTE TRAGHETTATI DA UN ALTRA PARTE...

BE' CARONTE ORA VATTENE !! hai traghettato il caldo anche a 1600 metri di altezza,ora tornatene all'inferno!!
Ebbene è così,all'alpe Devero in occasione della gara trail di 17 km,poi risultati 19 km, stamattina alla partenza alle ore 9,00 non si muoveva una foglia,non un filo d'aria,certo i 19-20 gradi non sono i 34 presenti in pianura,ma la sensazione di calura si sentiva un pochino pure a quell'altezza,mah...ho detto a Stefania se nelle valigie oltre ai vestiti,avesse messo anche il caldo della pianura e non era solo una mia sensazione,molti altri,compresa la gente del posto,confermava le nostre sensazioni dicendo di essere un caldo anomalo per quei posti ed a quelle altitudini.
Il fresco si è cominciato a sentire quando siamo saliti a quota 2200 metri di altezza,correndo perfino in mezzo alla neve....si dico bene,in quella zona a quell'altezza c'era ancora la neve!! e correrci dentro dava una sensazione stranissima e la voglia di caderci dentro o portare a casa una foto era tanta,ma i fotografi non si erano avventurati a quell'altezza,poi appena siamo tornati a quota 1800,il clima cambiava totalmente,quasi come se ci fosse una linea di demarcazione del calore che lambiva i 2000 metri,certo la totale assenza di vento ha giocato un ruolo fondamentale,in quanto la sua quasi normale presenza in ambienti montani di alta quota,lo avrebbe spazzato via.
Venendo alla gara la media al km è stata pure migliore dell'anno scorso, indice comunque di una buona prestazione,in classifica generale termino in 62ma posizione,su un totale di 343 partecipanti,peccato che non è prevista la classifica di categoria,per i "quasi anziani" come me,vedersi in una classifica generale insieme a podisti più giovani,non rende giustizia alla nostra non più giovanissima età,nonostante arrivare nei primi 60 in assoluto circa,è comunque una bella soddisfazione.
Forse in questa stagione sarebbe più propizio nuotare,ma il correre tra le buche scavate delle marmotte,saltando ruscelli ed evitando radici e sassi,con attorno panorami di laghi alpini e montagne maestose con chiazze moreniche innevate,fanno si che ogni volta che si finisce una gara trail,fà sembrare di aver fatto qualcosa di strabiliante,indipendentemente dalla classifica.
Luglio ed Agosto son due mesi dove vorrei correre altri trail,cercando di aumentare la mia resistenza aerobica in vista magari della mia prima maratona autunnale od invernale....mah...chissà.
La stanchezza comunque si è fatta sentire e negli ultimi 3-4 km i miei muscoli erano contratti e doloranti,avrei voluto fermarmi per fare un pò di stretching veloce,ma per Dio,ero quasi alla fine e non volevo perdere  posizioni,quindi stringendo i denti sono arrivato al traguardo ma ora reclamano riposo...e così sarà per almeno 2 gg. e dal 7 Luglio sarò in ferie,
pensando anche ad altri obiettivi pianificando le corse della seconda parte dell'anno.

nel dettagliola settimana

lunedì:   riposo
martedì:   10 km a 4'27"    +    esercizi di potenz.
Mercoledì:   10 km   lenti a 4'46"
Giovedì: riposo
Venerdì: 10 km lentissimi a 4'55"       + esercizi per il piede e potenz.
Sabato: riposo
Domenica: Gara trail all'Alpe Devero(VB)   19km+ 3 risc. tot.22 km

totale  52 km