Gli amici che mi hanno visitato

domenica 28 aprile 2013

DOPPIO COLLINARE

La mia prossima "doppia gara"
E’ stata una settimana impegnativa,sia in preparazione alla doppia mezza di Barolo l’11 ed il 12 maggio,sia per verificare se il fastidio tendineo sottoposto a più stress si fosse ripresentato.
Per entrambi i motivi ho deciso di effettuare una gara,leggermente collinare,Giovedì a  Novi Ligure(AL) di 14,3km   ed il giorno dopo ancora un collinare nelle colline Pavesi come allenamento però, da correre un pò brillantemente,il tutto per cercare di aumentare la tenuta aerobica in vista del doppio appuntamento Piemontese che per me è una gara “obiettivo”.
La gara di Giovedì,bella e molto piacevole l’ho corsa cercando di dare almeno il 90% delle mie possibilità senza pensare troppo al duro allenamento che avrei svolto anche il giorno dopo.
Al termine ho concluso sessantunesimo assoluto su 293 podisti e 14mo di categoria su 51 alla media di 4’22”/km in questa gara con 200mt. di dislivello che mi lascia abbastanza soddisfatto.
Nella stessa giornata ed al risveglio il giorno dopo,nessun problema particolare al tendine, mi sentivo bene,così ho deciso per un circuito Collinare di 22km con quasi 400 D+,conclusi alla media di 4’50”/km,quindi abbastanza svelti per le mie capacità,ma soprattutto buone sensazioni di forma e nessun fastidio al tendine,anche se continuerò ancora qualche giorno con ghiaccio,pomate e massaggio profondo del polpaccio come consigliato da Franchino.
Ho concluso questa settimana di carico sostenuto,correndo stamane una tapasciata nello stupendo scenario del parco del Ticino a Besate(MI) di 16km di cui dopo 5km di fondo lento ho deciso per un fondo veloce correndo gli ultimi 11km a 4’14” in un percorso sconnesso con lunghi tratti di fondo erboso.
Sono stanco e non poteva essere altrimenti,una corsa svelta,una gara,un lavoro veloce ed un lungo collinare svelto sono per me tutt'altro che usuali,per cui ho senz'altro chiesto gli straordinari al mio fisico ed è normale che ora sia presente un pò di stanchezza organica,ma son comunque soddisfatto in generale per la mia tenuta fisica ed anche per il fastidio al tendine quasi scomparso,anche se è presente ancora un leggerissimo gonfiore ed ho come l’impressione che la stabilità del piede non sia al 100%.
Nel dettaglio la settimana
Lunedì: 7km tapies-roulant +40’ esercizi
Martedì: 10km a 4’34”
Mercoledì:
Giovedì: gara a Novi Ligure(AL) 14,3 km a 4’22”/km  200D+
Venerdì:corsa svelta collinare 22 km alla media di 4’50”+defatic.tot.23km
Sabato: 40’ esercizi
Domenica:tapasciata a Besate(MI) nel parco del Ticino 5km fl+11km a 4’14” media totale 4’24” tot. km16
Totale:70km

domenica 21 aprile 2013

TRA FASTIDIO E CORSA

Settimana caratterizzata dal problema al tendine tibiale posteriore che termina proprio sul malleolo interno del piede destro,di conseguenza una piccola borsite,un piccolo gonfiore,gara trail di ieri saltata(per sicurezza) ed un pò d’incertezza nell’immediato futuro.
E’ sempre difficile dare la giusta importanza a questi episodi.
Come giustamente dice Doc-Coach Franchino il fastidio lo senti appena sceso dal letto ma poi scompare,mentre se durante l’allenamento ti dà problemi allora è dolore e la corsa sul dolore è logicamente da evitare.
Mi consola il fatto che se così fosse,allora il mio per ora è fastidio(con leggera borsite).
Per precauzione ho deciso per uno stop di 4 gg. dalla corsa,ho ripreso Venerdì con 10 km su sterrato,corsi senza alcun minimo fastidio.
Sabato mattina ho preferito comunque non fare la gara.
Ho deciso di provare a correre sul tapies-roulant dopo aver fatto cyclette,ho corso a buona velocità per 10 km senza problemi.
Quindi..mi son detto,che fare ora? ...correre o non correre? stop assoluto o corsa leggera per un pò di tempo riducendo i km?
Ho chiesto ancora consiglio a Doc-coach Franchino,e come giustamente mi ha detto,allenarsi poco non serve molto,meglio uno stop assoluto oppure provare a correre evitando lavori che provocano un iperestensione del tendine come sprint in salita,ripetute brevi e corse collinari.
Ho scelto la seconda opzione,per il semplice motivo che ho notato che,sia che corra o non corra il fastidio non migliora e non peggiora,rimane stazionario,tanto vale correre,certo con le solite precauzioni usate sin’ora e cioè ghiaccio,pomate,leggero stretching e massaggio di scarico del polpaccio...lo so rischio un pò, ma se noterò un peggioramento o sentirò dolore durante la corsa allora sarà stop assoluto e visita fisioterapica.
Stamane ho voluto provare a forzare un pò...18km variati conclusi alla media di 4’23”/km ed apparentemente nulla di negativo,potrebbe essere stata la prova del nove che non sia nulla di eccessivamente preoccupante? vedremo nei prossimi giorni.
Nel dettaglio la settimana
Lunedì:
Martedì: 40’ cyclette+esercizi vari
Mercoledì: 1h cyclette   32km+esercizi
Giovedì: 1h cyclette   25km,con diverse resistenze
Venerdì: 10km a 4’41”+esercizi
Sabato: 50’cyclette +10km tapies-roulant+esercizi
Domenica:18km variati media totale 4'23"+defatic. tot.km 21

Totale :41km

 

domenica 14 aprile 2013

FINALMENTE PRIMAVERA

La stagione primaverile,finalmente,comincia a deliziarsi delle sue temperature miti;meno male, visti i diversi appuntamenti podistici in programma fino a metà Maggio.
La preparazione è mirata sull’appuntamento più importante per me che è la Maratona del Barolo,due mezze in altrettanti giorni in programma a metà del prossimo mese.
A tal fine,nel prossimo Week-end proverò a correre due mezze collinari in due giorni;la prima,Sabato prossimo a Ghemme(NO) il Monteregio Trail ed il giorno dopo sulle colline di Miradolo Terme(PV), una non competitiva di 20km spingendo soprattutto la prima in quanto competitiva e vedere quante energie mi rimangono per il giorno dopo.
Quattro giorni dopo,Giovedì,vorrei correre i “Colli Novesi” ,competitiva di 14,5 km sui colli di Novi Ligure ma....meglio andar per gradi.
Un fastidio è purtoppo comparso all’altezza del malleolo interno destro e mi stà creando qualche problema,inoltre un piccolo gonfiore è presente sulla parte,sono tre giorni che applico ghiaccio e pomate,il fastidio non è tale da impedirmi di correre ma si fà sentire soprattutto nella parte iniziale dell'allenamento.

Incrocio le dita e decido per i prossimi due-tre gg. uno stop dalla corsa,un infortunio ora mi farebbe saltare questa parte della stagione.
Stamane in una tapasciata a Paullo(MI) ho deciso per 3 km lenti e 10 km velocissimi conclusi a 4'05",ottenendo nel complesso buone sensazioni sullo stato di forma,considerato il fatto che già in settimana avevo corso un medio e delle ripetute sui 1000 metri seguite da sprint in salita.
Nella prossima settimana doveroso uno scarico per presentarmi al doppio appuntamento di Sabato-Domenica in piene forze,tendine permettendo.

Nel dettaglio la settimana:
Lunedì: 6km tapies roulant+40’ esercizi
Martedì: 10km lenti a 4’41”
Mercoledì: 4km lenti+ 5x1000 a 3’54” rec. 500mt. a 4’43”/km+7x100 sprint in salita a 3’41”+defatic. totale 17km
Giovedì: 8km a 4’40”+ 50’ esercizi
Venerdì:FL+ fondo medio 10 km a 4’23” tot.11km+esercizi
Sabato:
Domenica:tapasciata a Paullo(MI) 3km Fl+10km a 4'05"+defatic. tot.14km
Totale  Km:66

domenica 7 aprile 2013

STANCHEZZA E RIPRESA

Settimana di "stanca",tutte le energie psico-fisiche messe in campo per le due gare di Sabato e Lunedí hanno presentato il conto nella settimana.
Lo prevedevo,sono state due gare molto impegnative,così ho deciso di fare uno scarico più sostenuto.
Per fortuna sento solo stanchezza e nessun altro disturbo,quindi ho assecondato la richiesta di riposo del mio fisico effettuando dopo le gare di Sabato e lunedì:
Martedì riposo
Mercoledì:12 km lenti a 4'52" (gambe stanche)
Giovedì : solo esercizi leggeri
Venerdì : 14 km. Lenti a 4'45"(sensazioni solo di una leggera ripresa)
Sabato: riposo
Domenica: Tapasciata a Bascapè(PV) 3km Fl+14,5km a 4'13"+defatic. tot.19km
Nell'allenamento-tapasciata di stamane in quel di Bascapè,luogo dove cadde l'aereo di Enrico Mattei,mi sentivo in una condizione migliore sin dal mattino appena sveglio così ho deciso di provare ad effettuare un fondo veloce e nonostante un terreno non molto scorrevole son riuscito a correre per  14,5 km a 4'13" mostrando chiari segnali di ripresa,il riscontro cronometrico mi soddisfa molto.
Il calendario delle gare che ho in programma entra nel vivo,un mese e mezzo con 4/5 gare,tutte collinari,periodo che si concluderà l'11 ed il 12 Maggio con la Maratona del barolo,che poi sarebbero due mezze in due giorni e che sono il mio principale obiettivo del periodo.

martedì 2 aprile 2013

PASQUA ECO TRAIL

Divertimento allo stato puro,posti in cui ringrazi la natura per essere così bella,soddisfazione ma anche tanta fatica.
Questa è in sintesi la frase che descrive i miei quattro giorni sulle crete senesi in Toscana in occasione della Pasqua eco trail a Montisi e San Giovanni D'Asso(SI),due gare trail con un unica classifica finale data dalla somma dei due tempi delle gare da 22 e da 19km entrambi con circa 500 mt. D+.
Divertimento,la cosa più importante,senza quello viene a mancare la componente principale per cui corro e per me il trail è quello,conosci il punto dove parti e dove devi arrivare...nel mezzo non sai cosa la natura ti ha riservato.
Due gare bellissime quanto rese dure dalla presenza per lunghissimi tratti di fango,soprattutto nella prima mezza.
Tre cadute,ma,a parte un pò di spavento,per fortuna senza conseguenze,muscoli costretti ad un super lavoro per mantenere un equilibrio precario e per cercare di correre con scarpe rese pesanti dal fango che s'incollava alla suole ed in alcuni tratti i piedi affondavano in quelle crete fino alla caviglia,si perchè non c'era altro modo per passare se non quello di entrarci dentro,ma è stato bello così,chi svolge questa disciplina sà che si deve adattare alla natura e non viceversa,accettare quello che trova nei percorsi senza lamentarsi di questo o quello,pensare al fatto che si corre in posti dove la natura la fà giustamente da padrone,questo in sintesi è lo "spirito trail".
Soddisfazione:La prima delle due gare  l'ho terminata sfinito in 24^ posizione assoluta su 147 podisti ed undicesimo di categoria.
Non so in che modo sarei riuscito a correre la la seconda gara due giorni dopo,ero molto stanco...un'altra mezza con quel fango,ma ero felice di poterlo fare,di mettermi alla prova.
Come dico spesso, la natura è la mia terza gamba e dopo una prima mezz'ora di fatica le gambe si sono sciolte e la fatica della prima gara sembrava svanita.
Il fango era presente ma in misura minore,percorso più scorrevole,morale a mille e termino 21^ assoluto nella tappa,mentre nella classifica combinata con la somma dei tempi termino 8^ di categoria,non nascondo la soddisfazione,anche perchè la mia categoria abbracciava gente dai 40 ai 50 anni ed io,purtroppo,sono nel range alto di età.
Sono stanco ma felice di aver provato questa nuova e bellissima esperienza di due mezze in tre gg.,inoltre le emozioni che mi dà la corsa nella natura ed il trail in generale sono enormi ed incomparabili con qualsiasi altro tipo di corsa e questo mi spinge a dare sempre il massimo di quello che posso dare.

Nel dettaglio la settimana
Lunedì :
Martedì :12km a 4'39"
Mercoledì:esercizi leggeri
Giovedì: 12km a 4'40"+esercizi leggeri
Venerdì:
Sabato: Pasqua eco trail prima gara 21km 1h 59'47" 529D+ 5'33"/km
Domenica:
Lunedì : seconda gara 19km1h37'18" 5'13"/km 454D+
Totale:64km