Gli amici che mi hanno visitato

domenica 20 ottobre 2013

POTEVO ANDARE?

Purtoppo ho dovuto rinunciare all'ultimo trail della stagione che avevo in programma,un mal di schiena mi ha impedito di farlo...però forse avrei potuto correre ugualmente.
Perché ?...non so,avrei anche potuto rischiare.
Domenica scorsa dopo San Colombano ho avuto le prime avvisaglie,un leggero mal di schiena mi tormentava un poco,il lunedì sembrava tutto a posto,ma da martedì a giovedì era aumentato notevolmente facendomi desistere dal partecipare al trail che mi avevano descritto come molto spettacolare.
Inutile descrivere il mio stato d'animo,è difficile fare certe scelte oculate in casi del genere,essere non essere?....correre o non correre?..per un pò sono stato attanagliato da questi pensieri,la forza di volontà spinge da una parte mentre il tuo fisico spinge dall'altra mandandoti dei segnali inequivocabili.
Il motivo principale per cui ho rinunciato è il fatto che le numerose discese presenti nei trail son tutt'altro che un toccasana per una schiena già dolorante,ho avuto paura di poter peggiorare la situazione.
Non è facile capire se abbia fatto bene o no,dico questo in quanto senza nessuna cura già Venerdí i sintomi erano molto meno,sabato ancora in progresso,mentre stamane sembrava del tutto sparito,
A questo punto non se essere contento che sia passato oppure ancor più arrabbiato per non aver corso,ho scelto di essere arrabbiato, eh si porca vacca,i tempi erano stretti per decidere,ho optato forse per la cosa più saggia,ma..è facile dire che nel dubbio è meglio non correre,che è meglio non rischiare,che questo che quello.
Penso comunque sia stato un banale colpo d'aria,fortunatamente la mia schiena non ha nessun tipo di problemi.
Mi sono sfogato stamattina correndo 18 km a 4'19" ,velocità che per me rappresenta un ritmo veloce,lo stesso tenuto nella mezza di Pavia 15 gg. or sono e non ho nessun dolore o fastidio.
Sabato mattina i miei pensieri erano ai trailer che potevano godersi una corsa stupenda in quelle colline Novaresi intorno al lago d'Orta,alle loro gioie ed alle loro fatiche,avrei voluto essere anch'io testimone  di quei posti ed anche di quelle sensazioni e..... non sono affatto le stesse per tutti i trail,ogni montagna,ogni zona,ogni percorso presentano una loro personalità ed una loro identità,tutte stupende grazie alla grande varietà di forme e colori che la natura ci offre in ogni stagione ed in questa avrebbe dato il meglio di sè coi colori autunnali,dal giallognolo al rossiccio al nero(il colore del mio umore :-))
So che ce ne saranno altre,ma il discorso è che "ogni lasciata è persa"...



nel dettaglio la settimana

Lunedì:10km fondo lento
Martedì: 10km fondo lento+esercizi
Mercoledì:
Giovedì:
Venerdì: 5km fondo lento
Sabato:
Domenica: 4km fondo lento a 4'50"+18km a 4'19"/km +defatic.totale 24km

totale :49 km

5 commenti:

  1. Mah, che dire, forse in cuor tuo sai se hai fatto bene o meno. Nel mio piccolo se per una settimana ho un problema fisico e il giorno prima sparisce o è attenuato difficilmente gareggio perchè tutto il corpo sarebbe stressato da un sforzo intenso e so che il problema, probabilmente ancora presente, si acutizzerebbe nei giorni seguenti, a maggior ragione se si tratta della schiena..

    RispondiElimina
  2. Penso di aver fatto la cosa giusta, la schiena sembrerebbe a posto

    RispondiElimina
  3. Ok! Allora piazza già un altro obiettivo sul calendario!!

    RispondiElimina
  4. Non sei più un ragazzino... ;-D
    E poi se è vero che "è facile dire che nel dubbio è meglio non correre" è più difficile farlo: ci vuole la giusta maturità sportiva.
    Trovati un'altra gara e vatti a"sfogare"!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Hai ragione,devo fare i conti anche con quello :-)) quest'anno ho esagerato coi trail,colline,salite ma soprattutto discese.
    Ora penso di tornare in piano...mi sono già sfogato domenica.
    Non potevo aspettare.

    RispondiElimina