Gli amici che mi hanno visitato

domenica 9 marzo 2014

E' ORMAI PRIMAVERA...LA NATURA MI ASPETTA

Settimana conclusa con 83 km all'attivo e puntando sulla velocità con ritmi molto variati in quanto i vari e molteplici cambi di ritmo sono una caratteristica molto importante nella disciplina del trail,ho di conseguenza staccato un pò dai dislivelli facendo scaricare un pò le gambe dalle fatiche muscolari delle salite, soprattutto a seguito delle due scorse gare consecutive domenicali.
Non che non ne abbia fatte ma ho ridotto il dislivello correndo una corsa collinare su asfalto anche se comunque ad impegno non certo lenta.
Stamattina ero presente ad una bella tapasciata nel parco Ticino,occasione per effettuare un altro allenamento variato tra corsa svelta,media e veloce puntando ad una velocità di punta più alta rispetto al variato di Mercoledi e recuperi un pò più lenti,ne è comunque uscita una buona media tenuto conto anche del carico svolto nei giorni precedenti.
Con l'arrivo della tanto sospirata primavera la vitalità aumenta e con essa le gare trail cominciano ad affollare le date del mio calendario podisitico,la scelta è abbastanza ampia e molte volte guardo e riguardo le varie gare sfogliando i vari siti delle stesse come se fossero le figurine Panini.
Comunque il mio calendario a breve è abbastanza definito,dopo le due gare delle ultime due domeniche,domenica a Gargallo(NO),vicino al Lago d'Orta vorrei correre un trail come puro allenamento lento in vista del week-end successivo dove correrò il trail delle valli Etrusche a Castiglion Fiorentino(AR) 27km con 1350 D+ ed il 6 Aprile una 30km e 1900 D+(un dislivello mai fatto ) per l'Ossola trail,anch'essa una prova per correre bene tre settimane dopo il Vallevaraita trail 33km e 1750D+ .
Il programma è duro e fitto di appunatamenti,ma se mi renderò conto di esagerare ridimensionerò il tutto,il trail mi appassiona ed il cuore è in fibrillazione per le mie prossime sfide,sensazioni che difficilmente si possono trasmettere...sensazioni cosi reali e genuine,ma soprattutto tremendamente belle!

foto Laigueglia trail di domenica scorsa




ultimo km sulla spiaggia

Nel dettaglio la settimana:

Lunedì:riposo
Martedì:14 km fondo lento a 4'48"+esercizi
Mercoledì: 4km fl+12 km fondo medio/veloce a 4'18"+defatic. tot.17km
Giovedì:14km rigeneranti a 5'05"+esercizi
Venerdì: corsa collinare di 17 km con 406D+ media 5'02"/km
Sabato:40' esercizi
Domenica:tapasciata trail a Motta Visconti(MI) 5km fl+16km di medio variato alla media di 4'19",media totale 4'25"  totale 21km

Totale: 83 km

17 commenti:

  1. ..." il cuore è in fibrillazione per le mie prossime sfide"....niente di più vero. Nel mio piccolo credo di condividere le stesse sensazioni.
    ...e quindi...ci vediamo a Gargallo!

    RispondiElimina
  2. Quello che definisci il tuo piccolo è comunque una grossa e bellissima sensazione per ognuno di noi,l'attesa per certe sfide è molto stimolante e sarà così finchè ci potremo divertire.
    È la prima volta che sarò a Gargallo,per me sarà un buon allenamento in vista del più impegnativo trail della domenica successiva,ho visto la tua foto per cui domenica cercherò di trovarti,mi sembri abbastanza alto per cui svetterai in mezzo agli altri :-)). Io sono 1,85 per cui sarà più facile vederci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehh..sì..non proprio un fisico da podista o trailer (2metri...90kg...)...credo che mi vedrai...
      A Gargallo ho già corso due volte...se ti interessa il resoconto dell'anno scorso (con percorso innevato) clicca sotto :

      http://gallodicorsa.blogspot.com/2013/03/gargallo-di-corsa.html

      Elimina
    2. Ho letto il tuo resoconto,nella neve il divertimento è assicurato,quest'anno dovrebbe esserci un altro clima..caspita 2 metri ! Sei già te una montagna :-))

      Elimina
  3. Beh, ovviamente, sai su quale aspetto mi soffermerò... :-DDD
    83 km a settimana iniziano a diventare una cifra importante, con un'uscita in più avresti sfiorato i 100: come vedi non è difficile!
    Considera anche che i tuoi 83 collinari o trail, come impegno, sono quasi come i 100 miei in piano e su asfalto.
    Sei sulla strada buona per "fare quella cosa che non devi fare"...

    RispondiElimina
  4. Alla fine mi toccherà correre un ultra per farti contento e per dire che avevi ragione a sospettarlo :-)))). Ricorda che ti fischieranno le orecchie durante i miei lunghi :-D
    Ho quasi 50 anni ragazzo!! Gli 83 km per me sono il limite,la stanchezza è molta,difficilmente andrò oltre correndo con dislivelli,per convenzione ho letto su internet e sui giornali specializzati che ogni cento metri di dislivello su asfalto corrispondono ad uno sforzo pari ad un km lineare,per cui le mie gare da 25/26km con 1100-1200 D+ sono alla fine pari a 36-38 km lineari...inoltre considera che lo sterrato è molto meno reattivo che l'asfalto.
    Quella cosa "che non devo fare" sarebbe pari ad uno sforzo di almeno 70 km lineari.
    Non cominci a sentire già qualche fischio nelle orecchie? Eheheheh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se, ad esempio, la settimana scorsa il venedì ne avessi fatti (anche) 40 di corsa lenta avresti sfiorato i 100!
      Riguardo ai km in salita ed al relativo sforzo avevo letto anche io una cosa del genere ed era quello che volevo dirti quanto ho scritto che i tuoi 80 corrispondono ai miei 100.
      L'Ecomaratona del Ventasso l'hai mai presa in considerazione? Secondo me è la gara giusta per te!

      Elimina
    2. Grazie della dritta ma il Ventasso è (appunto) un Ecomaratona molto simile a quella che feci nel Chianti un anno e mezzo fà,non sono dei trail veri e propri in quanto differenziano da essi per i percorsi meno aspri e con molti meno single track...io sono un purista del trail e,se farò l'ultra (SE! :-D) mi piace farne uno degno di questo nome.

      Elimina
    3. Hai provato a vedere il percorso? Ti riporto una parte copiata dal sito "L'impegnativo dislivello di 2300 metri si sviluppa da una quota di 800 metri per raggiungere il punto massimo a 1700 m., sulla cima del Monte Ventasso, dalla quale l'occhio può abbracciare tutto l'Appennino Reggiano, il Parmense, il crinale che separa dalla Toscana e dalla Lunigiana. Si tratta di una maratona quasi esclusivamente su sterrato ma in piena sicurezza e senza punti esposti e di rischio. Il percorso alterna il bosco di castagno, il faggio e, più su, la brughiera, incrociando villaggi di pietra, piccole chiesette nascoste nel bosco, sorgenti freschissime e il lago Calamone dall’acqua turchese, attorno al quale si corre."

      Elimina
    4. Un amico l'ha corsa due volte e mi ha detto che i puristi del trail non la amano.
      E poi essendomi già iscritto a quel l'altra non posso....ops...non volevo....azz...mi è scappata ahahahahaha

      Elimina
    5. hahahahahaha finalmente hai confessato: è ufficiale "faraiquellacosachenondevifare"!!! ;-)
      Però dovevo immaginarlo, ultimamente le orecchie mi stavano fischiando un po' troppo :-)))

      Elimina
    6. Sai cosa mi piace ? Che ci credi più te che me :-DD
      Ps: nn sono iscritto da nessuna parte...

      Elimina
    7. Forse non ti sarai iscritto ufficialmente ma in cuor tuo lo hai già fatto! ;-)
      Non è che ci creda più di te ma e che noi runner siamo così: quando "puntiamo" una gara la facciamo e basta!

      Elimina
  5. La conclusione del post è quella che preferisco. L'uso del buon senso è lo strumento migliore che l'essere umano abbia! Per il resto si vede che sei un trailer. La foto sulla spiaggia ti vede schiantato, quella in salita rilassato.. ;-)

    RispondiElimina
  6. All'inizio di stagione le attese sono spasmodiche,la voglia di scalare,di correre in natura,di compiere nel mio piccolo qualcosa sempre di più grande mi portano ad essere forse un pò sprovveduto ma sono consapevole delle difficoltà e di certi limiti,per ora mi piace poter pensare di cercare di farle,son sempre pronto a tirare i remi in barca se ce ne fosse la necessità.
    Meno male che sembro un trailer...sto facendo di tutto per sembrarlo :-D

    RispondiElimina
  7. Saverio, la tua passione per i trail è qualcosa che prende completamente. La sento (anch'io) che scorre nelle vene, e non resta da fare che seguirla, viverla. Perché ci appartiene...

    RispondiElimina
  8. Amo fortemente la montagna e per me il trail è la massima espressione per poterla godere di tutte le sue bellezze e poter scoprire ogni suo angolo nascosto e la vivrò finché ne avrò le possibilità....forse siamo noi ad appartenere a lei. :-))

    Ps: complimenti nuovamente per il tuo tempone!

    RispondiElimina