Gli amici che mi hanno visitato

domenica 4 maggio 2014

TRAIL RENSEN

Dopo la durissima faticaccia di Domenica scorsa al Vallevaraita trail,in settimana notando un sufficiente recupero fisico ho deciso di correre ieri anche il trail Rensen ad Arenzano(GE),tanto per soddisfare la mia voglia di droga agonistica settimanale da cui sono assalito da un pò di tempo a questa parte,quello di ieri è stato il nono trail in undici settimane.
Un trail corso quasi completamente nello stupendo Parcor Regionale Naturale dei Monti Beigua,il più grande di tutta la Liguria.
Il percorso si snodava per gan parte attraverso un sentiero in single track di soli circa 50 cm a mezzo costa con a fianco dei magnifici e profondi valloni verdi e selvaggi ma il paesaggio presentava diversi "mosaici" ambientali,in quei 23km abbiamo visto anche praterie aperte,fitte foreste di faggi e rovere,pini marittimi,rupi scoscese ed anche affioramenti rocciosi,ed in certi punti del percorso la macchia mediterranea sfoderava il meglio di sè con un esplosione di profumi,essendo questo il periodo della fioritura di molte specie floreali,i trail liguri mi hanno sempre affascinato in ogni loro stagione.

Per quanto riguarda la parte agonistica,la gara prevedeva una lunga,anche se non ripidissima salita,fino al 12mo km che dal livello del mare ci portava fino ai 1200 del monte Rama ed a seguire una lunga discesa fino al traguardo,il dislivello totale è stato di 1445D+.
Dopo una partenza in sordina cercando un ritmo costante ed idoneo per affrontare quella lunga salita,alla distanza ho trovato le forze per spingere negli ultimi km della salita e per affrontare una lunga discesa che,sapevo nella prima parte essere molto tecnica,questo non è mai stato il mio forte ma stavolta mi ha permesso di terminare in ottima posizione al termine della gara passando molti podisti,ma mi rendo conto di aver rischiato....mi è andata bene ma basta veramente poco ad incappare in una brutta caduta con conseguenze che potrebbero essere anche gravi,soprattutto in un terreno disseminato di pietre.
Ma è stato come se improvvisamente avessi un completo controllo di me stesso,una sorte di concentrazione massima,una specie di trance agonistica ed una lucidità mentale che abbinata ad una buona forza fisica mi spingevano a rischiare,terminata la parte molto tecnica,la mia lucidità era calata e di molto ma ormai eravamo sulla carrareccia e le gambe potevano correre da sole,non serviva più molta attenzione ed in un certo modo potevo rilassarmi un pochino,dietro e davanti non vedevo nessuno,ormai la mia posizione sapevo doveva essere quella al traguardo,ma non sapevo quale...all'arrivo annunciando il mio nome e pronunciando la 18ma posizione assoluta (su 135 podisti),una certa emozione mi assale,per me è il miglior risultato in assoluto di sempre,il pensiero è corso subito ai rischi che ho corso in quella discesa e grazie a quelli ho ottenuto si una bella prestazione ma non sò se ripeterei un rischio simile.
Nel trail è risaputo che molte gare si vincono in discesa,quelle dure,quelle tecniche,quelle in cui tu devi sconfiggere la paura di una caduta rovinosa,quelle in cui devi rischiare più degli altri,quelle in cui devi avere un super contollo delle gambe anche se provate precedentemente da continue salite,quelle in cui devi frenare l'attrazione gravitazionale che ti porta ad allungare eccessivamente la falcata su quei terreni accidentatissimi,quelle in cui le braccia devono contribuire a tenere sotto controllo l'inerzia e l'equilibrio del corpo permettendo un rapido cambiamento di direzione alla ricerca del miglior appoggio stabile,quelle in cui in una frazione di secondo,appena appoggi il piede,gìà devi sapere dove  appoggerai l'altro,in quei labirinti tra sassi e radici,in un susseguirsi fulminei di fotogrammi mentali,forse non siamo noi a fare trail...ma è lui a fare noi.




Nel dettaglio la settimana

Lunedì: 10 km rigeneranti su treadmill
Martedì:50' di esercizi
Mercoledì:13 km di corsa svelta a 4'35"+esercizi
Giovedì:14 fondo lento a 4'55"+esercizi
Venerdì:riposo
Sabato:Gara Trail Rensen adcArenzano(GE) 23,5km in 2h41'12" a 6'52"/km 1445D+
Domenica:10 km rigeneranti a 5'14"+esercizi

Totale:70km

11 commenti:

  1. Bravo Saverio! La discesa è molto importante ne trail/corsa in montagna e va allenata proprio per vincere la paura e correrla il più veloce possibile in sicurezza. Ottimo risultato, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fanco come vanno i tuoi guai tendinei?
      Il correrla più veloce possibile in sicurezza,trovare quella linea d'equilibrio,senza passarla...un compromesso insomma.
      Io rischio ma non tantissimo solitamente,anche perchè il non poter correre per diverso tempo mi manderebbe in depressione e la caduta con distorsione al polso di quest'estate è ancora viva dentro di me,non è mai più andato a posto.

      Elimina
    2. Benino dai,... è la testa che non va. A presto!

      Elimina
  2. Alla fine la differenza la fanno le motivazioni. Continui ad essere competitivo perchè ti sai gestire, ma sopratutto perchè provi Emozioni e stimoli nei trail! Questa è la sostanza!!
    P.S. Ho visto che anche la Signora Go Save ha ripreso ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Spesso mi chiedo che esagero nella frequenza di gare,ma non mi obbliga nessuno,è solo una mia scelta,della mia mente,alla ricerca di quella dose di endorfine ( come scrivevi settimana scorsa) ma soprattutto hai pienamente ragione quando affermi che ha ancora maggior effetto tutta quelle serie di sensazioni ed emozioni che ricevo dal trail in quanto mi permette di conoscere piccoli angoli di rara bellezza nascosti.
      La natura,qualsiasi cosa tu immagini,lei l'ha già creata...talmente bella che molti pensano sia stata creata per forza da qualcuno,ringraziano....per averla creata,ma lasciamo perdere questo discorso :-))

      Elimina
  3. E chi ti ferma più! Continui a collezionare trail come se fossero semplici passeggiate. Però fino a quando dai tuoi post si riesce a capire la gioia e le emozioni che provi allora fanne anche 7 alla settimana! Ora forse ho un po' esagerato però ho notato che nonostante le gare/trail riesci anche a fare almeno altre 4 uscite settimanali, sicuramente la testa e anche il fisico stanno reagendo bene. Bravo Savè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Savè! :-)) soprattutto la testa,sai benissimo che se manca quella..
      Quando hai davanti dei possibili obiettivi(ho detto possibili è!!) riesci a trovare energie insperate dovuto ai forti stimoli che si creano per vedere fino a dove puoi osare,il 18 avrò la 37 km con 1900D+ per me è un banco di prova importantissimo,non conterà la posizione in classifica ma finirla bene e con ulteriori stimoli per proseguire a raggiungere "quellacosachenondevofare";-DD

      Elimina
  4. Bravissimo! Il Save non si ferma più! Ho letto che stanno organizzando freneticamente nuove gare per poterti garantire ogni settimana una vasta scelta... :)...guai lasciarti un weekend senza gare in calendario!
    Comunque complimenti, stai diventando un top trailer! E come al solito ti diverti e emozioni, grazie ai nostri amati trail...
    Forse la settimana prossima vado al Trail del Motty, 25km, 1100mt disl +/- ....sperando di concluderlo degnamente; lo prenderò come un buon allenamento, visto che non sempre ho possibilità di fare buoni dislivelli, assaporando a pieni polmoni quello che mi offrirà la natura.
    Dovrò cercarti tra i partecipanti?....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco,ahahah
      Questa frenesia di gare è dovuta a forti stimoli ed obiettvi ben chiari e consolidati e cioè provare ad aumentare il chilometraggio e la potenza del motore per affrontare lunghe distanze,non so ancora fino a dove potrei arrivare,devo tenere conto che ho quasi 50 anni :-( ,è come un viaggio senza meta..ma intanto sono partito.
      Nooo i Top trailer sono altri,io mi confronto con quelli della mia categoria ma purtroppo sai benissimo che in molti trail le classifiche di categoria abbracciano 10-15 anni ed in tante non essite neanche se non la categoria maschile :-((
      Ma non importa,quello che conta è che nel famoso zainetto a fine corsa ci siano sempre dentro quelle sensazioni vissute,nell'attesa di poterne vivere altre..
      Adesso il 18 ho la 37 km con 1900D+ per cui devo scaricare per forza e bene per non rovinare il mio obiettivo principale di questo primo quadrimestre:le Finestre di Pietra per cui al trail del Motty o a qualche altra gara non potrò essere presente.

      Elimina