Gli amici che mi hanno visitato

domenica 13 luglio 2014

NESSUN OBIETTIVO

Nelle ultime due settimane ho provato a "normalizzare" le mie uscite correndo per un chilometraggio che rappresenta la mia media settimanale, inserendo sia qualche lungo collinare che ripetute da 1000 mt. che da tempo non effettuavo,il tutto per capire se i miei fastidi al piede siano del tutto passati nel dimenticatoio.
In questo periodo userò le pesanti Nimbus per tutte le uscite,comprese anche quelle di qualità,in modo da aver maggior protezione in entrambi i piedi in quanto non solo la fascite ma anche qualche fastidio ai tendini delle caviglie mi hanno procurato qualche preoccupazione,segno che devo stare lontano ancora un pò dai terreni sconnessi e quindi dal trail,fortunatamente le salite esistono anche in percorsi asfaltati e queste permettono dei movimenti più naturali delle caviglie.
Nel lungo collinare di 23k  di settimana scorsa notando i sentieri off road....ho inserito qualche km trail ma il terreno neanche troppo sconnesso mi procurava ugualmente fastidio ai fasci flessori delle caviglie,per cui ho deciso che non è ancora il momento.
Anche nel lungo di 28 km di stamane ho accusato una certa tensione del fascio plantare, è un segnale che non siamo perfettamente a posto.

Difficile poter pensare in questo periodo a qualche obiettivo e comunque se così sarà non potrà essere un trail.


Settimana dal 30/06 al 06/07

Lunedi:
Martedi:12km fondo lento a 4'50"+esercizi
Mercoledi: 10km fondo lento a 4'48"
Giovedi: 2km fondo lento+fondo medio di 10km a 4'28"tot.12km+esercizi
Venerdi: 40' esercizi
Sabato: 23km collinari in 2h 01' 590 D+
Domenica: 9km rigeneranti a 5'05"

Totale: 65km

Settimana dal 07/07 al 13/07

Lunedì:
Martedì: 12km a 4'48+esercizi
Mercoledì: 3km Fl+5x1000 a 3'55" rec 2' a 5'05"+defatic. tot.12km
Giovedì: fondo svelto 11km a 4'37"+esercizi
Venerdì:
Sabato:
Domenica:28 km collinari a 5'15"/km 712 D+

Totale: 63 km

8 commenti:

  1. Io fossi in te non correrei, ma come sempre le scelte sono personali e come tali si rispettano, occhio però!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai certamente ragione Fausto...non dovrei rischiare.
      Ma è difficile prendere quella decisione drastica,non c'è dolore ma fastidio e questo appare solo dopo un certo numero di km,forse una via di mezzo potrebbe essere quella di limitare il chilometraggio ad un massimo di 30-35km settimanali e senza le salite.
      Il fisioterapista mi aveva avvertito che il fastidio non sarebbe scomparso del tutto per un pò di tempo,ma di allenarmi ugualmente senza strafare...

      Elimina
  2. Concordo con Fausto. Se ancora hai dolori/fastidi forse è meglio non correre, altrimenti rischi di rimandare la guarigione.

    Ps: io sono fermo da due settimane, e capirai benissimo che sono in crisi di astinenza, ma preferisco evitare di uscire piuttosto che rinviare la guarigione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono anch'io capatosta :-))
      Sei fermo sempre per il dolore al collo del piede? conosci la diagnosi?

      Elimina
    2. Si, sono ancora fermo e non mi sono fatto vedere da nessun medico; dovrebbe essere una tendinite.
      Domenica avrei la gara breve (poco più di 9 km), e non so che fare, si tratta di correre poco più di mezz'ora...

      Elimina
    3. Abbiamo lo stesso dubbio.....io continuo...con rischi annessi e connessi :-)). Non riesco a fare altrimenti per ora

      Elimina
  3. Benchè tu non abbia obiettivi trail a breve termine, gli allenamenti sono comunque ottimi.
    Non avere fretta, goditi questo momento senza obiettivi, ma con stimoli sempre vivi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco in effetti cerco di mantenere un certo grado di allenamento proprio per mantenere vivi certi stimoli ed anche per una buona base aerobica in salita in modo da essere ad un buon punto di partenza per le future gare

      Elimina