Gli amici che mi hanno visitato

domenica 3 agosto 2014

ECOMARATONA DEL CHIANTI

Stabilita dunque la mia gara obiettivo,l'Ecomaratona del Chianti il 18/10,non mi resta che continuare a prepararla adeguatamente.
42km con 1000 metri di dislivello ed anche se lo sterrato è il tipo di terreno di questa
Altimetria della gara
gara,essa non si può definire un trail,il fondo è comunque abbastanza battuto e sono pochi i tratti che assomigliano ad un trail.
Ho scelto questa gara per cercare di ripetere la positiva esperienza di due anni fà quando la feci per la prima volta e di cui rimasi ben impressionato,inoltre non essendo appunto un trail puro,posso salvaguardare in qualche modo i fasci tendinei delle caviglie che nei terreni molto sconnessi mi danno ancora delle avvisaglie poco rassicuranti,anche se in miglioramento,ma penso possa essere un buon compromesso per continuare a gareggiare in natura e con salite,due componenti essenziali per i miei stimoli podistici e da cui difficilmente potrei prescindere.
È una gara molto,molto dura per la presenza di moltissimi,lunghi ed interminabili saliscendi fino al termine e nessun tratto in piano,l'apparente scorrevolezza dei saliscendi trae in inganno molti podisti e,se non affrontati con ritmo adeguato rischiano di compromettere seriamente la prestazione,nella mia mente sono ancora vivi i ricordi di quelle salite negli ultimimissimi km affrontate con gambe stanchissime afflitte da crampi che non rispondevano più ai comandi.
Gara e percorso molto suggestivi ed organizzazione impeccabile per questa competizione che è ormai un must nel panorama delle Ecomaratone in quanto attraversa borghi medioevali,ville e casali tipici del luogo con passaggi tra le vigne e tra gli oliveti delle colline toscane,una regione in cui ho sempre amato moltissimo correre.
Grosso modo il programma sarà simile a quello di due anni fà,correndo i lunghi settimanali in percorsi su sterrato con dislivello ma non trail per avere più scorrevolezza possibile in modo da poter simulare il più possibile quello che troverò in quelle colline,la media chilometrica settimanale però,sarà leggermente inferiore rispetto ai 75 di due anni fà,questo per limitare un pò il sovraccarico cercando di avere comunque una buona preparazione per affrontare la gara e terminarla in un tempo vicino a quello del 2012 che fu di 4h 16'.
Effettuerò i miei immancabili esercizi settimanali di "core" e potenziamento,qualche lavoro di qualità infrasettimanale che potrà essere un fondo veloce o delle ripetute ma non in salita,quelle le odio e rappresentano il mio debole,inoltre dopo questa fase prettamente di fondo collinare aerobico,correrò anche qualche mezza per poter velocizzare le gambe,ma soprattutto cercherò di preparare anche la testa per affrontare un impegno fisico e mentale nn indifferente per chi come me è sulla soglia delle 50 primavere,ma il saper di correre in certi posti è un ottimo viatico.





Nel dettaglio la settimana

Lunedì :50' esercizi
Martedì : 4 km fondo lento + 10 km fondo medio collinare a 4'29" 197D+ Tot.14 km+esercizi
Mercoledì : 13km fondo lento
Giovedì : 6 km fondo lento + 5 km fondo veloce a 4'16"tot. 11 km+esercizi
Venerdì :
Sabato: lungo collinare sterrato,25 km a 5'41"/km  924D+
Domenica : 10 km defaticamento a 5'05"+ esercizi

Totale: 73 km


8 commenti:

  1. Quando mi dedicherò a gare più lunghe certamente questa sarà una gara che farò, già un amico quando vivevo in Sardegna me ne aveva parlato e mi aveva stuzzicato la fantasia! Buon viaggio Saverio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I molti saliscendi della Munfrà Valley ti aiuteranno molto in una tua eventuale preparazione per affrontare questa faticosa ma stupenda gara,immerso in uno scenario da cartolina della campagna toscana.

      Elimina
  2. Quest'anno non riuscirai a fare 4H16' mi dispiace per te :-D. (non so se sei scaramantico e quindi non continuo...).
    Questa volta conosci il tracciato, secondo me sei anche migliorato come prestazioni e quindi dovresti incontrare meno difficoltà.
    In bocca al lupo per questa nuova avventura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte lo schivare i gatti neri,non passare sotto le scale,cercare di non rompere gli specchi,rovesciare sale in tavola ed incrociare le dita in molte situazioni no..nn sono scaramantico :-DDDD
      Le prestazioni sono migliorate,la consocenza del percorso anche...l'età però non è migliorata :-((
      Potresti farci un pensierino anche te per questa maratona no? lasci da parte un pò l'asfalto e provi a correre la tua "distanza" su sterrato,tanto non è molto sconnesso.

      Elimina
    2. Verrei solo per correre qualche metro con te (poi scoppierei perchè non riesco ad allenarmi su dislivelli "seri"), però la settimana dopo sono già iscritto alla maratona di Perugia (chocomarathon) ed ho già albergo e viaggio prenotati...
      Quest'anno dalle mie parti, sempre nel mese di ottobre organizzano questo trail http://www.garganorunningweek.com/?page_id=455, forse possiamo farci un pensierino per l'anno prossimo ;-)

      Elimina
    3. Ho visto il sito..(non capisco perchè è scritto in parte in spagnolo)ottima iniziativa,mi cimenterei nella 35km con 1600D+ era ora che facessero un bel trail dalle tue parti ed immagino la visuale panoramica montagna/mare, non lasciartela scappareee!!!

      Elimina
  3. Bravo Saverio! Quindi "Go Save"!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marco,ce la metterò tutta...

      Elimina