Gli amici che mi hanno visitato

giovedì 5 marzo 2015

LE TERRE DI SIENA

(Ri)torno a scrivere dopo diverso tempo sul mio Blog,
Le noie al tendine d'Achille ed alla caviglia sono proseguite anche nella prima parte dell'anno,costringendomi a non forzare coi dislivelli e con i km,stando lontano dal trail per evitare che il dolore alla caviglia peggiorasse.
Meglio quindi optare per terreni non sconnessi senza però tralasciare le salite,alla luce di questo ho deciso per una gara nella magnifica Toscana e più precisamente a Siena.
Una gara collinare,in prevalenza su asfalto senza un grosso dislivello positivo(339D+),che comunque metteva a dura prova le gambe per i continui saliscendi presenti sul tracciato.
Tre le competizioni presenti,una 50 km con partenza da San Gimignano,una 32 km con partenza da Colle val d'Elsa ed una 19 km (la mia) con partenza da Monteriggioni e l'arrivo in centro città a Siena,è stata la diciassettesima gara svolta in questa terra che mi affascina particolarmente,molto suggestivo l'arrivo in piazza del Campo.
Ho cercato di prepararla nel miglior modo possibile,cercando di ottimizzare il poco tempo che ho avuto a disposizione per prepararla e,complice anche una giornata di particolare forma ho conseguito un 38mo posto assoluto su quasi 400 podisti ed un quinto posto di categoria in 1h 27'14" che mi lascia molto soddisfatto,anche per il fatto che,nonostante l'abbia tirata al limite delle mie possibilità il tendine e la caviglia non hanno mostrato nessuna sofferenza,a parte un fastidio avvertito il giorno seguente.
Le note dolenti arrivano dal fatto che il fisio mi ha sconsigliato ancora per un pò di tempo i trail,il tendine d'Achille sembra sia sistemato,ma quelli della caviglia nei terreni sconnessi si fanno sentire,dovrei al limite scegliere quelli senza un eccessivo terreno sconnesso,come quello dell'alta Valsabbia il 22 Marzo con partenza da Salò sul lago di Garda,un trail ma non troppo insomma...


4 commenti:

  1. Mi spiace che i fastidi alla caviglia non siano spariti, in effetti è da un po' che non scrivevi.
    Per la gara, ottimo risultato..come al solito! Bravo.
    Partire da Monteriggioni e arrivare a Siena dev'essere poi stato spettacolare! Da far invidia a molte Mezze!

    RispondiElimina
  2. Ciao Marco,purtroppo i fastidi alla caviglia me li porto dietro da diverso tempo e nonostante le Tecar,sono sempre latenti...
    Dovrò decidermi di fare una risonanza per vedere se sono i tendini o i legamenti,stà di fatto che il terreno sconnesso accentua questo fastidio trasformandolo in un dolorino.
    Sull'asfalto nessun problema...ma...come sai non è quello che vorrei,anche se penso che mi dovrò adeguare,almeno per un pò.
    La colline Senesi offrono sempre dei paesaggi degni di nota e non c'è paragone con moltissime mezze,noiose e tutte piatte :-))

    RispondiElimina
  3. Bravissimo, Save, tieni duro...ancora un pò di pazienza e risolvi tutto. In fondo se hai risolto col tendine d'achiIle ti sei già tolto il problema maggiore. Chi la dura la vince funziona sempre, con un pò di saggezza ovviamente. Buone corse!

    RispondiElimina
  4. Grazie Alain,il tendine lo sento (almeno per ora) solo dopo dei particolari sforzi ma siamo sempre nell'ordine dei "fastidi" per le caviglie invece aspetterò di vedere come si comporteranno in qualche trail degno di questo nome e non solo sterrato :-))

    RispondiElimina