Gli amici che mi hanno visitato

mercoledì 6 maggio 2015

DOPPIO TRAIL

Doppio appuntamento di gare nelle ultime tre domeniche,ovviamente due trail,tanto per non perdere il vizio.

Cerco di trovare un compromesso tra trail e i fastidi ai tendini della caviglia,comunque i dislivelli ed il chilometraggio sono diminuiti di molto rispetto all'anno scorso.
Il fatto è che è difficile starci lontano,soprattutto in questo periodo della stagione.
Monteregio Trail a Fara Novarese ed al lago Maggiore trail a Maccagno (VA).
Due trail bellissimi con differenti colpi d'occhio e diverse difficoltà,ed anche il tempo atmosferico non è stato uguale,sole nel primo,pioviggine nebbia ed umidità altissima nel secondo corso domenica mattina.
Quello di Fara Novarese aveva un dislivello di quasi 400 D+ ed era molto corribile,presentava molti su e giu di pochi metri di dislivello ed un tracciato molto bello con diversi passaggi particolarmente suggestivi tra le vigne,utilizzando sentieri ormai in disuso portati a nuova vita dagli organizzatori,anche l'attraversamento di diversi guadi ha divertito i trailer presenti.
Per la cronaca termino 32mo assoluto,ottimo anche il terzo tempo con birra e diversi prodotti locali per una eccellente valorizzazzione del territorio.
Domenica mattina a Maccagno,a quattro passi dalla Svizzera altra musica,tempo piovoso ed umido,tracciato in molti punti molto scivoloso per la presenza di molte mulattiere e diverse radici disseminate lungo il percorso,ma soprattuttto a far la differenza sono i 1300 D+ che da tempo le mie gambe non assaggiano.
A preoccuparmi era soprattutto la salita di circa 7 km praticamente continua che dai 200 mt. di Maccagno ci portava a 1000 mt; Salita gestita bene ma solo fino ad un certo punto in quanto gli utlimi 2 km ho dovuto calare il ritmo di molto,sapevo che avrei avuto delle difficoltà,le mie gambe nel proseguo della gara hanno comunque risentito di quella salita e verso il finale qualche crampo è apparso al vasto mediale.
Percorso e terreno da vero trail corso per la maggior parte in boschi di faggi con salite e discese molto tecniche,con anche gradini di sassi scivolosi,peccato per le nuvole basse che non ci hanno permesso certe vedute.
Giungo al termine cotto e brasato,ma con la consapevolezza di aver terminato nel mio piccolo un'altra piccola avventura,il settimo posto di categoria raggiunto va al di là delle mie aspettative,visto le numerose difficoltà su un percorso molto tecnico,forse troppo per me...